IN BREVE

www.insquebec.org

Data di apertura: Settembre 2014

Architetti: Lapointe, Magne et Associés

Area totale: 14.000 metri quadrati

Totale partecipanti: 475 atleti di alto livello

Opzioni sportive: 44 sport

Staff: Oltre 900 allenatori, 33 amministrativi

Costo totale: 24,5 milioni di dollari

Architettura sportiva
(Canada)

Oltre 40 anni fa, l'architetto francese  Roger Taillibert entrò nella storia quando fu scelto per progettare lo stadio che avrebbe ospitato le Olimpiadi del 1976 a Montréal, nella regione canadese del Québec.

SCARICA NEL FORMATO PDF

Oggi, questo inconfondibile impianto accoglie l'Institut National du Sport du Québec (INS Québec) all'interno del parco olimpico e viene utilizzato come centro polisportivo per la preparazione atletica e il supporto medico-scientifico dei migliori atleti di tutto il Canada, soprattutto in preparazione per i Giochi Olimpici e Paraolimpici.

Un progetto di ispirazione internazionale

Il CEO dell'INS Québec, Marc Gélinas, si è insediato a giugno del 2008 e già a settembre era attivo un gruppo di lavoro dedicato alla programmazione delle iniziative future. “Sapevamo che anche altri paesi stavano lavorando a questo concetto di centro sportivo, perciò abbiamo studiato le loro idee per trovare la soluzione ottimale che potesse adattarsi alla nostra realtà,” dichiara.

“Abbiamo organizzato sessioni di lavoro e focus group con allenatori, atleti – olimpici e paraolimpici – studiosi e medici. Abbiamo esaminato le esperienze di altri paesi per capire cosa avremmo potuto fare per offrire agli atleti le migliori condizioni possibili.”

A integrazione delle idee raccolte in queste sessioni, il gruppo direttivo dell'INS ha visitato molti centri in Australia e Inghilterra e si è recato presso l'USOC Training Centre di Colorado Springs.

“Abbiamo avuto anche numerosi scambi con la Spagna e, a livello locale, abbiamo visitato diverse strutture canadesi e il centro di preparazione della squadra di hockey Montréal Canadiens a Brossard, in Québec.”

Dopo questa lunga ricerca, a gennaio del 2013 sono iniziati i lavori di costruzione per l'INS Québec, che è stato inaugurato a settembre 2014 in perfetta linea con i tempi e il budget prestabiliti.

In vista del futuro

Durante la costruzione dello stadio olimpico, a metà degli anni '70, si era già iniziato a pensare all'uso futuro dell'impianto. “Abbiamo trovato documenti che parlavano della creazione di un centro sportivo nello stadio olimpico ancora prima dell'inizio dei Giochi. È la dimostrazione che l'architetto aveva sempre avuto l'intenzione di realizzare un centro dedicato allo sport, e noi l'abbiamo realizzata,” dichiara Gélinas.

“Per me è importante tornare all'idea originaria di una struttura di eccellenza – perché questa è la ragione per cui è nato questo luogo,” spiega. “Benché il piano originario sia stato man mano perso di vista, nel corso degli anni lo staff del parco olimpico ha dato vita a numerosi programmi di grande interesse per il pubblico, tra cui molte attività rivolte ai bambini. Ora stiamo riportando al parco olimpico lo sport di altissimo livello, con la presenza costante di grandi campioni.”

Gélinas spiega che, grazie all'uso polivalente degli impianti, gli atleti sono diventati un notevole modello di riferimento per i più giovani. “Gli atleti hanno la priorità nell'uso della struttura, ma i bambini possono osservali durante gli allenamenti e divertirsi a guardare campioni come Alexandre Despatie, medaglia olimpica nei tuffi. È un modo straordinario per invogliare i ragazzi a praticare e ad amare lo sport.”

Atleti di tutti i livelli

Chi saranno i principali fruitori nel modernissimo centro sportivo dell'INS Quebec? “Avremo circa 475 atleti di altissimo livello sostenuti da Sport Canada o dall'Équipe Québec Program, e 2.000 atleti di nuova generazione che aspirano a una carriera ai vertici delle rispettive discipline,” spiega Gélinas.

“Inoltre, la struttura ospiterà 20.000 atleti più giovani e gli iscritti a una rete di scuole orientate al mondo dello sport.”
L'età degli atleti va dai 18 ai 25 anni per la squadra nazionale, mentre i più giovani vanno dai 16 ai 18 anni.

Sotto un unico tetto

L'INS Québec ha via via ampliato le proprie capacità e oggi rappresenta un punto di riferimento centrale per l'intera provincia del Quebec, offrendo servizi per 44 diverse discipline sportive. Otto di queste fanno base permanente presso l'istituto. “Con un'iniziativa avviata nel 2007 abbiamo iniziato ad ospitare quattro sport acquatici – nuoto, tuffi, pallanuoto e nuoto sincronizzato,” dichiara Gélinas.

“Questo ha rappresentato una fase pilota nel progetto dell'istituto. Successivamente abbiamo aggiunto judo, scherma e ginnastica. Abbiamo anche un palazzetto per il pattinaggio di velocità su pista corta, nell'arena Maurice Richard del parco olimpico. Il pattinaggio fa parte degli sport residenti, perché gli atleti vengono ad allenarsi tutti i giorni e vengono seguiti all'interno dell'istituto anche per i servizi medici e scientifici.”

Metà delle strutture dell'INS Québec si trovano all'interno dello stadio olimpico, nella zona centrale a destra dietro il tabellone segnapunti, mentre l'altra metà si trova direttamente accanto alla piscina olimpionica. “Abbiamo costruito la struttura direttamente nello stadio, e stiamo creando un centro di eccellenza per fornire un supporto integrato ad atleti di altissimo livello.”

L'INS Québec si estende su una superficie di oltre 14.000 metri quadrati, di cui il 92% è destinata alla pratica dei diversi sport o ad attività correlate, come la clinica di medicina sportiva, i laboratori scientifici, gli spogliatoi e altre aree di servizio. L'INS Quebec dirige anche una rete di sette centri polisportivi regionali dedicati agli atleti di nuova generazione che presto vedrà l'apertura di nuove sedi. Inoltre, l'INS Québec supporta 17 centri monosportivi in cui si allenano sia atleti di alto livello che giovani promesse.

Solo il meglio

Dalle attrezzature all'avanguardia fino all'eccezionale elasticità della pavimentazione in gomma Mondo, gli atleti hanno tutto ciò che serve per allenarsi in condizioni ottimali. “Per il judo, la scherma e la ginnastica, gli atleti possono contare su una delle strutture migliori del mondo,” afferma Gélinas.  “Per questi sport stiamo iniziando a ricevere richieste dalle federazioni di altri paesi che vorrebbero portare qui i propri atleti ad allenarsi. E questa è un'ottima notizia soprattutto per gli sport da combattimento, in cui la disponibilità di avversari è di importanza cruciale.”

All'INS Québec, la scienza dello sport e la medicina sportiva contribuiscono a innalzare ulteriormente il livello della struttura. Il team di ricerca ha osservato e studiato le prassi seguite da alcuni dei paesi di maggior successo nel campo dello sport. A Barcellona, ad esempio, esiste un centro sportivo che permette agli allenatori di raccogliere dati e misurazioni sugli atleti. Questo approccio consente ai coach di acquisire set di informazioni più completi al fine di perfezionare i programmi di allenamento individuali.

“Oggi tutti gli sport si avvalgono del supporto video, perciò il nostro ambiente IT è interamente attrezzato per le riprese. Il nostro staff è anche in grado di eseguire un'analisi scientifica delle riprese video o dei dati acquisiti dalle pedane di forza, da utilizzare ad esempio per calibrare l'allenamento degli atleti,” osserva Gélinas.

Una giusta dose di prevenzione

Uno dei fattori che rendono unica l'offerta dell'INS Québec è la compresenza di un centro di medicina sportiva. “Vogliamo svolgere un ruolo centrale in tutti gli aspetti che riguardano la prevenzione in ambito sportivo”, dichiara la dottoressa Suzanne Leclerc, responsabile medico.

“Stiamo cercando di comprendere più a fondo i rischi che possono portare a lesioni croniche e come si possa ridurre l'incidenza di questo tipo di lesioni. I nuotatori, ad esempio, sono particolarmente soggetti agli infortuni alle spalle, perciò cerchiamo di sviluppare nuove forme di valutazione e di test funzionali per simulare i loro movimenti nell'acqua. In questo modo possiamo creare un programma che aiuti a prevenire il ripetersi degli infortuni.”

Per creare un programma medico completo a beneficio degli atleti, l'INS Quebec ha riunito uno staff di specialisti sotto un unico tetto. “Abbiamo medici sportivi, fisioterapisti, massaggiatori, nutrizionisti, neuropsicologi per i traumi cranici e oculisti, anch'essi molto utili per trattare le potenziali conseguenze delle commozioni cerebrali,” spiega Leclerc.

“Questa è un'area particolarmente importante per noi, perché vogliamo offrire tutti i servizi necessari per la prevenzione e la diagnosi del trauma cranico e, in caso di incidente, per la successiva riabilitazione.” L'INS Quebec mette anche a disposizione un programma di screening cardiaco per gli atleti di élite basato sulle raccomandazioni internazionali e realizzato in collaborazione con cardiologi specializzati nel settore sportivo.

“Potendo interagire quotidianamente con gli allenatori, è più semplice parlare con loro subito dopo l'allenamento e discutere su come aiutare gli atleti a migliorare le proprie performance in futuro.”

Progetti Simili