IN BREVE

Data di apertura: 12 dicembre 2008
Spesa complessiva del progetto: 178 milioni di dollari
Capacità totale: 8.000 persone

Architettura sportiva
(Canada)

Le Olimpiadi Invernali del 2010, che si sono svolte a Vancouver e Whistler, nella provincia British Columbia del Canada, hanno rinvigorito il Paese da costa a costa con una carica di nuova energia. Le città destinate a ospitare i futuri Giochi Olimpici hanno seguito tutto con attenzione, per capire come replicare all'enorme successo riscosso.

SCARICA NEL FORMATO PDF

Una delle strutture simbolo dei Giochi, che continua a essere impiegata per vari sport, è il Richmond Olympic Oval, dove i pattinatori di velocità hanno realizzato i loro record facendo sempre registrare il tutto esaurito tra il pubblico. Oggi i 9568 metri quadrati del Richmond Olympic Oval sono impiegati per praticare molteplici discipline sportive ad alto livello. Mondo Ramflex, la pavimentazione che riveste i 2137 metri quadrati di area di lavoro nel centro fitness, è robusta e al tempo stesso esteticamente piacevole per gli utenti del club.

Flessibilità futura

Dal 1988, anno dei Giochi Invernali di Calgary, nella provincia canadese di Alberta, tutte le strutture olimpiche per il pattinaggio di velocità su pista lunga sono state realizzate come enormi strutture indoor, fatta eccezione per la sede di Albertville, sorta nel 1992. Costruite esclusivamente per ospitare gli eventi olimpici di pattinaggio di velocità, una volta terminati i Giochi queste strutture hanno spesso comportato sfide notevoli sul lato pratico ed economico. Per garantire la sostenibilità a livello di costi, una sede olimpica indoor per il pattinaggio di velocità su pista deve infatti poter essere convertita ad altri usi. Proprio come è avvenuto per il Richmond Olympic Oval, che ora viene impiegato per discipline sportive di varia natura. Il livello di eccellenza dell'Oval attira a Richmond persone da località limitrofe al distretto di Metro Vancouver e anche da più lontano.

La luminosità, la trasparenza e i colori chiari degli interni del Richmond Olympic Oval ne attenuano le dimensioni imponenti. Il design accogliente riflette i principi di apertura, accessibilità e divertimento, creando un'atmosfera che fa diventare gli utenti frequentatori abituali.

Posto sul braccio centrale del fiume Fraser, l'Oval è il cuore di un nuovo quartiere urbano lungo il fiume, a uso misto, che è diventato luogo di incontro e meta a livello internazionale e offre varie attività ricreative indoor e outdoor, shopping e servizi.

Progetto eccezionale con una nuova vita

L'Oval è organizzato su tre livelli. Il livello inferiore offre servizi di supporto e parcheggi, mentre quello superiore è occupato da una prima galleria per programmi di fitness, con viste magnifiche sulla catena montuosa Coast Mountains e sul fiume Fraser.

Sono disponibili macchine con cui misurare la propria forza, pesi liberi, possibilità di eseguire esercizi di allungamento e sviluppo della muscolatura del tronco, più un'ampia selezione di attrezzature cardio. La pavimentazione Mondo è stata installata in questa area per la sua durata e facilità di manutenzione. "La pavimentazione Mondo Ramflex era stata inizialmente installata nella struttura in vista dei Giochi Olimpici del 2010 e poi è stata riposizionata dopo la conversione dell'edificio al termine dei Giochi”, spiega Larry Podhora, Vicepresidente di Cannon Design.

Al secondo livello una struttura ad archi aperta ("clear-span") di circa 110,58 metri ospita le due piste olimpioniche per pattinaggio su ghiaccio, con un "sistema a bacheca" adattabile, che consente di ottenere molteplici configurazioni del manto di ghiaccio, tra cui quella per l'hockey internazionale o nordamericano, il pattinaggio artistico, il pattinaggio di velocità su pista corta e l'hockey su slitta. La struttura può riassumere in qualsiasi momento la veste di ovale di 400 metri per il pattinaggio di velocità su pista lunga.

L'area della Zona campo ospita sei campi in legno per pallacanestro, calcio indoor, pallavolo, badminton e pallamano.

La struttura offre anche una pista da allenamento di 200 metri per walking, jogging o corsa veloce. Un area multipurpose che può essere utilizzata per molteplici discipline si trova al centro della pista, garantendo così una maggiore flessibilità nella programmazione di sport ed eventi.

A ulteriore arricchimento della scelta di attività per il fitness, nell'Oval è anche presente la Freedom Climber, una parete per arrampicata rotante e non motorizzata.

Il Richmond Olympic Oval offre inoltre opzioni di riabilitazione nel centro LifeMark Sports Medicine. Questa struttura sarà la più ampia e completa clinica per la riabilitazione personale e la medicina sportiva nella provincia del British Columbia. I servizi offerti comprendono fisioterapia, trattamenti di medicina sportiva, massaggi terapeutici e agopuntura.

Raffinatezza e robustezza con prodotti del luogo

La struttura principale dell'Oval è composta da 15 archi compositi, rivestiti in colla per legno e laminato (glulam), che ricoprono una lunghezza eccezionale di ben 100 metri. Legno di abete douglas (Douglas Fir) di produzione locale è stato sagomato nel design composito a V per ottenere l'estensione necessaria, con 30 contrafforti in cemento.

La terrazza sul tetto e i pannelli strutturali secondari dell'Oval occupano i 15 metri tra gli archi glulam. Gli archi sono realizzati con legno di coltivazione regionale, ottenuto dai tronchi di alberi morti in seguito all'infestazione degli scarafaggi dei pini (pine-beetle), inchiodati tra loro per formare una sorta di scatola in legno a forma di V e inarcati per creare i pannelli a volta del soffitto, che formano la cosiddetta “Wood Wave".

Da molti anni le foreste di pino della provincia del British Columbia sono devastate dall'epidemia degli scarafaggi da pino. Da questo disastro è stato tuttavia possibile sviluppare un prodotto in legno nuovo e ricercato, che si è rivelato un'opzione positiva per il Richmond Olympic Oval, in quanto i progettisti hanno saputo trarre vantaggio dall'esclusività della colorazione blu del legno. L'intera area 100 x 200 metri della struttura del tetto ha permesso di ottenere una superficie di bellezza esclusiva, realizzata con legno nazionale da costruzione e con un notevole risparmio sui costi.

Una classe a sé stante

Il Richmond Olympic Oval è un modello di design sostenibile e all'avanguardia, che inaugura una nuova era per gli impianti dedicati allo sport e al benessere. Oltre a offrire benefici diretti sul piano sociale e ambientale, il design ecologico dell'edificio ha ottenuto la certificazione LEED Silver, un traguardo notoriamente insolito e quindi prestigioso per una struttura di questo tipo e di queste dimensioni, che lascia prevedere notevoli risparmi sui costi di esercizio per l'intera vita utile.

Nel tetto da 20.000 metri quadrati sono integrati sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria, nonché sistemi idraulici, acustici, elettrici e di illuminazione, la cui combinazione crea una superficie elegante e pulita. Nei pannelli per soffitto Wood Wave e negli archi sono stati inoltre integrati tubi e testine sprinkler.

Progetti Simili