IN BREVE

Costo: poco più di un milione di euro
Inizio progetto: 2011
Realizzazione e posa pista: da luglio a settembre 2013
Realizzazione segnature: 2014
Superficie totale pista: 7.423 mq
Progettista e Direttore dei lavori: architetto Vincenzo Perinelli

Architettura sportiva
(Italy)

Cinque anni fa lo stadio di atletica dell’Aquila ospitò la più grande tendopoli post sisma della città. Oggi, dopo un’importante ristrutturazione, quello stesso impianto è il simbolo della rinascita, non solo sportiva, dell’Aquila.

SCARICA NEL FORMATO PDF

Torna l’atletica leggera all’Aquila

Il 14 maggio 2014, all’Aquila, alla presenza degli alti vertici del CONI e della Fidal, è stata inaugurata la nuova pista di atletica dello stadio Isaia di Cesare. L’evento, oltre a segnare il ritorno di questo sport nel capoluogo abruzzese, ha assunto il valore di una vera e propria rinascita della città a cinque anni dal sisma che la colpì duramente. La nuova pista di atletica vede protagonista ancora una volta Mondo che aveva già realizzato quella presente nell’impianto prima della ristrutturazione. “È per noi un piacere continuare con una nostra superficie all’interno di questo glorioso impianto”, commenta Roberto Franz, Responsabile del settore Track&field di Mondo Spa.

Il manto della  nuova pista è Mondotrack 13,5 mm, la stessa superficie protagonista alle Olimpiadi di Londra 2012 e ai Campionati del mondo di atletica leggera di Mosca 2013. “La pista precedente, anch’essa Mondo, risaliva agli anni Ottanta. Il progettista ha voluto utilizzare anche questa volta un manto prefabbricato, che in quello stadio aveva dato già ottimi risultati, ma ha stravolto un po’ la planimetria del luogo: la pista precedente aveva sei corsie, quella nuova ha otto corsie ed è omologabile per manifestazioni di livello internazionale, anche eventi IAAF”, ricorda Giampaolo Gola, Sport Turf & Outdoor Sport Division di Mondo Spa.

Un luogo simbolico

La nuova pista Mondotrack è stata installata in uno dei luoghi simbolo dell’Aquila: lo stadio, che oggi appare completamente ristrutturato, nel 2009 ospitò la tendopoli più grande della città, quella di Piazza d’Armi. “Dopo aver ospitato la tendopoli più grande del post terremoto, la vecchia pista appariva come un campo completamente distrutto. Il primo impatto è stato duro, c’era questa spianata grandissima, una valle di lacrime. Per me si è trattato anche di un discorso affettivo, essendo io abruzzese”, ricorda l’architetto Vincenzo Perinelli, sotto la cui direzione sono stati eseguiti i lavori all’impianto.
“Lo stadio è stato il primo posto dove i cittadini sono scappati perché, non essendoci strutture attorno, era il luogo più sicuro. Nei mesi successivi è divenuta la tendopoli più grande della città che ha ospitato quasi 3000 persone di 30 etnie diverse. Il rifacimento della pista è stato il simbolo della rinascita dell’Aquila a cinque anni dal sisma”, aggiunge Giampaolo Gola.
Il significato simbolico del nuovo stadio è sottolineato dalla forma particolare che l’architetto Perinelli ha voluto dare alla nuova tribuna, una struttura in legno lamellare completamente coperta e con 650 posti. “La copertura richiama l’apertura alare di un’aquila, a simboleggiare la rinascita della città. Questa scelta è stata molto apprezzata dai cittadini e dal CONI in sede di inaugurazione”, spiega Perinelli.

Da sei a otto corsie

La pista installata all’Aquila, un tipico anello a otto corsie, presenta una superficie Mondotrack 13,5 mm di colore azzurro, prodotta e installata in circa tre mesi, da luglio a settembre 2013.
È stata l’impresa Walter Martinelli a occuparsi di tutte le opere inerenti il nuovo stadio, mentre l’installazione della pista è stata eseguita da sette posatori specializzati dell’impresa Madi Sport. La pista presenta due lunette, una ospita la zona siepi con le pedane per il salto con l’asta e il lancio giavellotto, l’altra ospita le pedane lanci (peso e disco/martello e giavellotto) e la zona salto in alto. Nel campo è presente, inoltre, una zona per il salto lungo e triplo composta da due pedane bidirezionali.
La scelta di realizzare una pista a otto corsie, che permetterà all’Aquila di ospitare eventi internazionali, è avvenuta in corso d’opera: “All’inizio mi è stato chiesto di progettare una pista a sei corsie, ma in fase di presentazione del progetto, il sindaco mi ha chiamato e mi ha chiesto di impegnarmi al massimo per far sì che L’Aquila potesse avere una pista a otto corsie. Man mano che la progettazione della struttura andava avanti, ci siamo resi conto del potenziale che poteva avere a livello nazionale, così abbiamo scelto i migliori manti sul mercato”, ricorda l’architetto Perinelli.

L’impegno del CONI

Il CONI ha seguito molto da vicino i passi di riqualificazione dello stadio e ha omaggiato il comune dell’Aquila delle attrezzature sportive mobili. “Il CONI ha fornito a titolo gratuito la parte più importante delle attrezzature, quella per rendere la pista praticabile e omologabile. Quando il presidente Giovanni Malagò è venuto a visitare l’impianto nel novembre del 2013, con il manto già posato, ma la pista ancora da completare, aveva promesso un regalo da parte del CONI”, ricorda Giampaolo Gola. Promessa mantenuta.

Un lavoro di squadra

L’impianto dell’Aquila, grazie alla sua posizione geografica e alla buona attività di base che ospita, è una struttura di interesse nazionale. Esistono tutti i presupposti perché lo stadio, adeguatamente completato, possa ospitare grandi eventi nazionali e internazionali. La riuscita del progetto è stata il risultato di un ottimo lavoro di squadra. “A livello progettuale abbiamo sostenuto con il nostro staff tecnico l’architetto Perinelli, progettista dell’impianto. La collaborazione con il comune e l’impresa Martinelli è stata ottima e il lavoro svolto ha ricevuto i complimenti da parte del sindaco e del presidente del CONI”, commenta Roberto Franz.

Lo sport protagonista all’Aquila

La nuova pista di atletica a otto corsie è il primo di una serie di progetti che il comune dell’Aquila sta portando avanti. Tra questi spicca la realizzazione di un rettilineo indoor per gli allenamenti al coperto, importante per lo sviluppo dell’attività in loco, considerando le condizioni meteo estremamente avverse che potrebbero segnare la stagione invernale. Una possibilità in più per gli atleti, che già con la superficie Mondotrack hanno a disposizione una pista outdoor molto resistente. “L’altitudine a cui si trova L’Aquila, 700 m al di sopra del mare, non è assolutamente un problema. Abbiamo piste sottoposte a condizioni assai più dure, come quella di Sestriere, e non ci sono stati problemi”, commenta Claudio Pavani, Direzione Commerciale Italia – Sport & Flooring Division di Mondo. “La volontà dell’amministrazione è quella di creare nell’area di Piazza d’Armi un vero e proprio centro sportivo, a completamento dell’attuale impianto di atletica Avendo a disposizione diversi fondi per la realizzazione e ristrutturazione degli impianti, si vorrebbe realizzare anche un bordo pista per le persone che non fanno attività agonistica, un anello più grande che corre all’esterno dell’impianto utile a tutti gli amatori, che vanno a fare il classico running”, spiega Claudio Pavani.

I progetti in atto non riguardano solo l’atletica: “Il comune dell’Aquila realizzerà un campo da rugby in erba sintetica adiacente allo stadio. I lavori sono in corso d’opera: l’area deve essere livellata e devono essere costruiti gli spogliatoi. Da poco è stato aggiudicato anche l’appalto per lo stadio dell’Acqua Santa, struttura semi abbandonata della zona est dell’Aquila. La città è molto attiva nell’ambito dell’impiantistica sportiva e lo stadio Isaia Di Cesare è stato il primo tassello del mosaico, a per via del suo significato simbolico”, commenta Giampaolo Gola.

Progetti Simili