IN BREVE

Misure: 13.000 mq
Costo totale:50 milioni di dollari
Superficie della pista e manto erboso: 7.000 mq
Superficie della sala pesi: 6 mq
 

Architettura sportiva
(USA)

A partire dal 1845, l' Accademia Navale degli Stati Uniti ha istruito e addestrato uomini e donne, conferendo loro la qualifica di ufficiali navali. Con sede ad Annapolis, Maryland, la missione dell'Accademia è formare gli aspiranti guardiamarina "moralmente, mentalmente e fisicamente”. 

SCARICA NEL FORMATO PDF

Durante il percorso di studi ciascun studente ha l'opportunità di acquisire un'ampia serie di competenze attraverso attività formative di base, tra cui ingegneria, scienze, matematica, scienze umanistiche e sociali. Al termine di questo percorso, gli uomini e le donne laureati all'Accademia hanno la possibilità di intraprendere praticamente qualsiasi tipo di carriera nei corpi dei Navy o dei Marine.
L'altro elemento integrante della formazione dell'Accademia è il suo programma di atletica, che offre opportunità di leadership oltre all'esperienza del gioco di squadra, dell'impegno comune, della dedizione e del sacrificio individuale.

Wesley A. Brown si è laureato alla US Naval Academy nel 1946, abbattendo un'importante barriera razziale. Egli, infatti, fu il primo afro-americano a laurearsi all'Accademia. Nel 1969, il Capitano di corvetta ha lasciato il Corpo ingegneristico civile dei Navy andando in pensione, dopo un'illustre carriera. Nel corso della sua carriera, è entrato a far parte della facoltà della Howard University come analista delle strutture fisiche. Il 10 maggio 2008, i Navy hanno onorato Brown intitolando a lui la loro struttura più recente: il Palazzetto dello sport Wesley A. Brown.

Nel 1999, per il palazzetto dello sport della Howard University, era stato pianificato un lavoro di ristrutturazione della vecchia pavimentazione, ma le riparazioni si rivelarono essere costose e non sarebbero state definitive, con conseguenti ulteriori spese. Stephen Cooksey, professore associato di educazione fisica nonché capo allenatore della squadra di atletica leggera di successo degli aspiranti cadetti di marina, si rivolse quindi al capo del Dipartimento di educazione fisica, Tom Virgets. “Gli dissi che sarei stato disposto a stare fuori dalla struttura indoor per un anno, pur di avere una nuova superficie”, riferisce Cooksey. Virgets gli diede un'idea anche migliore: cercare di trovare lo spazio per un nuovo edificio. Quello spazio fu trovato e presto l'Università riuscì nell'intento di avviare i lavori per un palazzetto dello sport nuovo di zecca.

Progetti che guardano al futuro

Sin dall'inizio delle trattative progettuali, Cooksey voleva una pista dotata di sistema di inclinazione. L'intento del direttore atletico, Chet Gladchuk, tuttavia, era quello di garantire che l'edificio potesse ospitare anche gli allenamenti di calcio, football e altri sport. Ciò comportava l'inconveniente che il sistema a tappeto magico, un sistema con manto erboso sintetico ritraibile, avrebbe escluso la possibilità di avere una pista dotata di sistema di inclinazione. “Gli parlai quindi del sistema idraulico per piste di Mondo che consente di passare da un livello completamente piano a un livello inclinato”, riferisce Cooksey, che aveva visto la pista a Penn State. In veste di capo allenatore del Campionato mondiale indoor, a marzo 2008, la vide di nuovo a Valencia. “Man mano che il progetto andava avanti, cominciai a rivolgere la mia attenzione alla Mondo. Quando ebbi la possibilità di andare a Montreal e vedere l'impianto e il modo in cui le superfici erano state assemblate, mi convinsi che quella era la via giusta da seguire”.

Il Palazzetto dello sport Wesley Brown è una struttura da 13.000 metri quadrati il cui obiettivo è ospitare programmi di educazione fisica, attività sportive universitarie, atletica indoor, sport di club e personal fitness. L'edificio vanta un campo da football con manto erboso interamente sintetico, ritraibile da cui emerge una pista Mondotrack da 200 metri a sollevamento idraulico e tre campi da basket permanenti.

Il palazzetto dello sport omologato LEED è conforme, in tutta la struttura, alle esigenti normative in fatto di materiali, compresa la superficie sport impact di Mondo nella sala pesi e in altri campi sportivi. Quando comincia a fare più freddo, entrambe le squadre (maschile e femminile) di atletica leggera dei Navy cominciano ad utilizzare la pista idraulica di Mondo, intorno a Novembre. “Tutti sono estremamente soddisfatti, dagli studenti, alla squadra allo staff di allenatori”, dichiara Cooksey. “Si è sparsa la voce che disponiamo di un nuovo sistema idraulico, così ci sono fiumi di squadre che aspirano a firmare un contratto per svolgere qui le loro competizioni. La reazione è stata straordinaria!”
 

Innumerevoli opzioni di allenamento

Cooksey afferma che le varianti negli stili di allenamento sono facili da ottenere grazie alle regolazioni nella pista idraulica. “Nei giorni in cui intendiamo concentrarci sulla velocità, solleviamo completamente la pista, inclinata al 100 per cento. Mentre nei giorni in cui ci interessa un po' di più la distanza, scendiamo al 50 e al 30 per cento. Questo facilita la realizzazione di regolazioni per le gambe dei bambini”. Aggiunge poi che vi è un bonus in riferimento la nuova Mondotrack. “In termini di impatto sugli atleti, mi sembra che essi ottengano un maggiore rimbalzo dalla pista. Credo che sia d'aiuto per loro”.

I programmi di atletica leggera per uomini e donne dell'Accademia navale hanno prodotto regolarmente atleti famosi e la nuova pista idraulica promette di mantenere questa tradizione. Dicembre ha introdotto la competizione d'inaugurazione sia maschile che femminile seguita dagli incontri a gennaio. L'inaugurazione, intitolata a Wesley A. Brown, vede sullo schieramento 6 squadre famose, “Ci sono il Tennessee, noi, la University of Maryland, Georgetown, Princeton e Lasalle”, dice Cooksey.

La tecnologia di Mondo svolge un ruolo significativo nell'impegno costante per un'atletica di prima classe alla US Naval Academy. Quando il palazzetto dello sport fu inaugurato dall'Ammiraglio Michael Mullen, presidente dei Comandi Congiunti del Personale, la cerimonia è stata commovente per Brown. “Indubbiamente, questo è il momento più bello della mia vita. Si tratta dell'edificio più spettacolare che abbia mai visto. È maestoso”.

Un modo perfetto per realizzare un lascito duraturo in onore del capitano di corvetta Wesley A. Brown.

Progetti Simili